Governance

Statuto

La cd "Shareholders Rights" (dlgs 27 gennaio 2010 n. 27), recepisce la direttiva comunitaria n. 2007/36/CE relativa all’esercizio di alcuni diritti  da parte degli azionisti  delle società quotate. In particolare, il decreto modifica gli artt 2366/2373 del codice civile e incide profondamente sul Dlgs n. 58 del 2008 (TUF), introducendo  importanti novità per le società quotate, con particolare riguardo allo svolgimento delle attività assembleari.

Ciò posto, il Consiglio di Amministrazione – valendosi della previsione di cui all’art. 19, C II, dello statuto sociale, che prevede la competenza ad assumere le deliberazioni concernenti gli adeguamenti dello statuto a disposizioni normative – nel corso della riunione del 19 ottobre 2010, ha adottato le cosiddette "modifiche obbligatorie incondizionate", ovvero quelle inderogabilmente dettate dal nuovo testo legislativo vigente.
In particolare, sono stati modificati gli articoli 8 – Diritto di intervento, 10 - Convocazione, 14 – Composizione del Consiglio di Amministrazione, 22 – Collegio sindacale ed è stato altresì inserito l’articolo 27 - Disposizioni transitorie.
Con l’occasione, sono state altresì modificate alcune disposizioni divenute incompatibili, alla luce della nuova normativa, oppure desuete.

Successivamente, l'Assemblea degli Azionisti del 20 aprile 2011, in sede Straordinaria, ha approvato alcune modifiche statutarie principalmente finalizzate al completamento degli interventi di adeguamento al decreto legislativo 27 gennaio 2010 n. 27 - che ha recepito la precitata direttiva comunitaria n. 2007/36/CE relativa all'esercizio  di alcuni diritti da parte degli azionisti  delle società quotate - e in materia di operazioni con parti correlate. Le modifiche approvate, in particolare, attribuiscono al Consiglio di Amministrazione la facoltà di: (i) designare per ciascuna Assemblea un soggetto a cui i Soci possano conferire gratuitamente delega, dandone specifica comunicazione nell'avviso di convocazione della relativa Assemblea; (ii) convocare l'Assemblea di bilancio entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio; (iii) convocare l'Assemblea ordinaria e straordinaria in unica convocazione. Inoltre, ai sensi dell'art. 104, C1-Ter del decreto legislativo n. 58/1998, è stata attribuita al Consiglio di Amministrazione la facoltà di porre in essere misure difensive in presenza di offerte pubbliche di acquisto e scambio. Infine, è stata approvata la facoltà di introdurre nella Procedura in materia di Operazioni con Parti Correlate alcuni meccanismi di approvazione di operazioni in deroga alla procedura stessa.

In allegato, si riporta il nuovo testo di Statuto.

Allegati

Statuto

Scarica il documento: Statuto
253.22 Kb

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2013 11:00